Mission

La Mission: Inclusive Innovation!

La missione di Mediavoice è concepire e sviluppare soluzioni Innovative di tecnologia vocale, per permettere a tutte le Persone di accedere alle informazioni e ai servizi digitali nel modo più naturale: con la voce.

Obiettivo dell’azienda è quindi rivoluzionare l’interfaccia uomo-macchina, trasformando la tecnologia da complicata barriera in abilitatore di accesso.

Le soluzioni Mediavoice mirano a ridurre il divario digitale, a creare una nuova interfaccia tra l’Utente e i contenuti digitali, più semplice e usabile, per fare in modo che tutti possano accedere al ‘nuovo mondo’.

Questa è la nostra Missione

Storia

Mediavoice nasce nel 2000 da tecnologi appassionati, esperti e ‘creativi’

Nel 2001 viene premiata da gruppo FIAT e Corriere della Sera con il premio Archimede come migliore progetto d'impresa tra 400 startup.

Nel 2002 lancia Speaky Voice Portal, prima soluzione brevettata di portale vocale che viene acquisito da primari clienti tra i quali Trenitalia, Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, italia.gov.it, Regione Emilia Romagna, Comune di Milano, INPDAP.

Sempre nel 2002 vince il premio ANIE (Associazione imprese elettroniche ed informatiche) come migliore giovane impresa 2002, insieme ad Alcatel (premiata come migliore grande impresa).

Nel 2004 apre la prima sede operativa: Foggia

Nel 2005 costituisce il Consorzio Cultorale, insieme alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti e alla Università di Messina. Il Consorzio si occuperà di sviluppare soluzioni innovative di tecnologia assistiva per le disabilità e il digital divide

Nel 2006 apre la seconda sede operativa: Messina

Nel 2007 Cultorale (Consorzio costituito insieme alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti) vince il Premio Unioncamere 2007 come seconda migliore “Giovane Impresa Innovativa”

Nel 2008 in anteprima al CEBIT di Hannover e allo SpeechTEK di New York, Mediavoice lancia una nuova soluzione brevettata: Speaky Media Center

Nel 2010 Vince il Bando “Industria 2015 - Made in Italy” per lo sviluppo e l’industrializzazione del brevetto “Speaky Acutattile”. Un progetto nel quale è capofila di 13 partner tra cui HP, Loquendo, Konvergence e i maggiori centri di ricerca e Università. Si tratta di un progetto del valore di oltre 7 milioni di euro che si concluderà con successo (prototipo del nuovo dispositivo brevettato) nel 2015

Nel 2013-2015 sviluppa insieme alla Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti “Speaky Facile” che ora è nella nuova versione 4.0